L’INFRADITO SI FA IN DUE E DIVENTA GLAMOUR

sandali fashion
E dopo dicono che i calciatori e le miss non hanno testa. Nella vita, tuttavia, non si può mai sapere. Magari le cose cambiano e un ex calciatore del Milan negli anni Novanta, Roberto Lorenzini, e una ex miss, arrivata tra le prime 12 ragazze in gara a Miss Italia nel 1998, Tiziana Carnevali, appese le scarpette al chiodo e abbandonata la fascia, hanno messo in atto il piano B: la comune passione per la moda li ha spinti a fondare un brand, Passion Blanche, che ha lanciato sul mercato un tipo di infradito davvero speciale.

In sostanza si tratta di un sandalo «due pezzi» composto da un classico infradito caprese in cuoio con suola in gomma, a cui viene aggiunta una seconda parte che ha vita propria ed è intercambiabile, definita «gioiello da piede», che può avere diversi “abiti”: in lurex, lino o corda, viene cucito a mano da due artigiani marchigiani e si porta sul collo del piede, legato alla caviglia. In spiaggia può anche essere indossato da solo, lasciando la pianta scalza.
La parte superiore del sandalo è disponibile in due disegni (a treccia e con motivo floreale) e in 12 colori, dal rosa antico, al beige, dall’oro al nero.

Pare che questo sandalo «due pezzi» sia gradito a molte vip ed è stato recentemente esportato anche all’estero: si può acquistare in alcuni negozi di Montecarlo e Saint-Tropez.
Il successo fuori confine è nato un po’ per caso: «In spiaggia a Saint-Tropez abbiamo tirato fuori i sandali per scattare alcune foto — spiega Roberto Lorenzini — e in due minuti si è formata una folla intorno a noi che voleva comprare le scarpe».

A parte il fatto che le infradito non fanno per me, visto che la prima volta che le ho indossate mi sono rotta il mignolino, considero la trovata davvero geniale e, sfogliando la gallery, le varie soluzioni mi sono piaciute molto. Sono carine ed eleganti.

Attenzione però: gli esperti dicono che, a lungo andare, i sandali infradito possono portare a spiacevoli fastidi o addirittura a danni irreversibili. Ne parla il Corriere.it a questo LINK.

[LINK della fonte]