CHI HA INVENTATO IL GELATO?


Il dolce preferito nel periodo estivo è senza dubbio il gelato. Tuttavia si può dire che questo dolce, declinato in varie forme e gusti (a volte davvero improbabili!), non conosca stagioni perché ormai viene consumato tutto l’anno, anche se con un picco durante i mesi più caldi.

Ma chi ha inventato il gelato?

Da alcuni l’invenzione del gelato viene fatta risalire addirittura ad un episodio biblico in cui Isacco, offrendo ad Abramo latte di capra misto a neve, avrebbe inventato il primo gelato della storia. Secondo altri, invece, viene fatta risalire agli antichi Romani che nei loro sontuosi banchetti offrivano le nivatae potiones, veri e propri dessert freddi. In realtà si trattava di sorbetti: passati di frutta impastati con la neve che venivano letteralmente “ingoiati” dai commensali. La parola sorbetto, infatti, deriva dal verbo latino sorbere che significa, appunto, “ingoiare”. D’altra parte il sorbetto non necessita di masticazione.

In Sicilia, ai tempi della dominazione araba, si iniziò a sorseggiare una bibita a base di frutta e zucchero di canna, conservata in recipienti circondati da neve o ghiaccio tritato. La granita e il sorbetto si vennero preparati mescolando la neve dell’Etna con sciroppi e succhi di frutta. Fin dal Medioevo sulla cima del vulcano, ma anche sui Nebrodi e sui Monti Peloritani, lavoravano i “nivaroli”, una sorta di lavoratori stagionali con il compito di raccogliere la neve che poi depositavano nei “nivieri”, costruiti in corrispondenza di grotte naturali o artificiali. La neve così conservata veniva poi trasportata, d’estate, alle città della costa dove si preparavano i sorbetti.

Per assistere al trionfo di questo alimento bisogna però aspettare il Cinquecento. È Firenze a rivendicare l’invenzione del gelato moderno, grazie all’inventiva di un architetto, Bernardo Buontalenti (Firenze 1531 – 1608), che per primo nella ricetta del gelato inserisce ingredienti nuovi: latte, panna e uova.

Persona decisamente ingegnosa messer Buontalenti (un nome, un programma!) e anche pieno di titoli: architetto civile e militare, ingegnere idraulico e urbanista. Per le sue non comuni capacità fu assunto dai Medici e proprio da questi fu incaricato, in occasione dell’arrivo dell’ambasceria di Spagna, di organizzare un’accoglienza strabiliante, tale da “far rimanere come tanti babbei gli stranieri, e spagnoli per giunta”.
Nonostante il sorbetto fosse già stato utilizzato in precedenza, la vera novità del gelato prodotto da Buontalenti furono, come giù detto, gli ingredienti: latte, miele, tuorlo d’uovo e un tocco di vino. Inutile dire che l’invenzione ebbe un grandioso successo: al banchetto organizzato per gli Spagnoli venne servita una crema fredda di gran lunga migliore, per gusto e composizione, dei dolci gelati creati in passato.

Considerata la tradizione siciliana, cui ho già fatto riferimento, non stupisce il successo ottenuto da un gentiluomo palermitano, Giuseppe (altre fonti parlano di “Francesco”) Procopio dei Coltelli il quale, trasferitosi a Parigi alla corte del Re Sole, aprì il primo caffè-gelateria della storia, il tuttora famosissimo café Procope che si trova in rue de l’Ancienne Comédie. Si tratta del primo café letterario del mondo dove illustri francesi si recavano per discutere dei loro progetti bevendo un café e assaporando un sorbetto: La Fontaine, Voltaire, Rousseau, Beaumarchais, Balzac, Hugo, Verlaine, Oscar Wilde e tanti altri.

Ma la storia moderna di questo goloso alimento comincia ufficialmente quando l’italiano Filippo Lenzi nel 1777 aprì la prima gelateria in America. Il gelato si diffuse a tal punto da portare ad una nuova invenzione: la sorbettiera a manovella, brevettata nel XIX secolo da William Le Young.

Aveva allora inizio la storia del gelato industriale. Si dice che il primo produttore su larga scala sia stato un lattaio di Baltimora, Jacob Frussel, che, per salvare una grossa partita di latte invenduto, lo trasformò in gelato. La sua creatività fu premiata: la città gli eresse addirittura un monumento.

Come fare un ottimo gelato in casa anche senza utilizzare la gelatiera?

Non è un’impresa impossibile. Bastano pochi ingredienti per preparare il gelato base (il tipico gusto vaniglia) e l’aggiunta di tutti gli altri ingredienti, a seconda che preferiate i gusti alle creme o alla frutta.

INGREDIENTI PER LA BASE ALLA VANIGLIA

– 500 gr di panna da montare + 2 cucchiai di zucchero a velo
– 400 gr di latte condensato freddo
– 1 bustina di vanillina (si possono aggiungere 2 cucchiai di Gran Marnier o altro liquore dolce)

PREPARAZIONE

In una ciotola abbastanza capiente mescolate il latte condensato freddo di frigo con la vanillina, aggiungendo eventualmente il liquore a scelta. Aggiungete la panna precedentemente montata a neve ferma, mescolando dal basso verso l’alto per non smontarla. Versate il composto ottenuto in una vaschetta da 30 cm X 10 cm (va bene anche uno stampo da plum cake), coprite con una pellicola e lasciate raffreddare il vostro gelato in freezer per almeno 5 – 6 h. Non è necessario fare altro perché il gelato manterrà una consistenza cremosa e non ha nemmeno bisogno di essere estratto dal freezer prima di essere servito (anzi, è meglio evitare perché potrebbe sciogliersi!).

A questa base potete aggiungere del cacao, noci o nocciole tritate, caffè, amaretti sbriciolati, cocco grattugiato, nutella, cioccolato alle nocciole (tipo bacio) e ogni altro ingrediente che si sposi con la versione alla crema.

Per il GELATO ALLA FRUTTA è meglio rivedere le dosi, ma la preparazione è invariata:

– 800 gr di frutta fresca di stagione a piacere pesata pulita a netto di scarti
– 500 ml di panna da montare zuccherata
– 170 ml di latte condensato
– 2 cucchiai di liquore alla frutta (anche limoncello se piace)

BUON GELATO A TUTTI!

[fonti: italianiaparigi, istitutodelgelato, buontalenti.it; per la ricetta del gelato ho fatto riferimento a questo sito. Immagine sotto il titolo da questo sito; immagine del café Procope da questo sito; immagine coppetta gelato da questo sito]

TUTTE LE INSOSPETTABILI PROPRIETÀ DEL CIOCCOLATO… OLTRE AL FATTO CHE NON FA INGRASSARE


Un po’ più di 4 anni fa sul mio blog principale scrivevo:

Lo ammetto: questa per me è una buonissima notizia, forse non proprio culturalmente alta, diciamo anche un po’ frivola. Ma volete mettere il senso di colpa che dobbiamo superare ogni volta che facciamo sciogliere in bocca un misero quadratino di cioccolata? La notizia che il cioccolato non fa ingrassare diventa socialmente utile. Una società più felice, che vive con ottimismo e si consola con la serotonina, nel caso debba affrontare qualche difficoltà, potrebbe anche essere più produttiva. Con i tempi che corrono, la cioccolata potrebbe sconfiggere la crisi mondiale. O no??

Diciamo che questo potrebbe essere il cappello perfetto ad un’altra buona notizia: il consumo di cacao agisce sulle risposte immunitarie e sui geni coinvolti nella percezione sensoriale, sviluppando l’iper-plasticità cerebrale (quella capacità che permette all’encefalo di modificare la struttura in relazione all’attività dei propri neuroni).

Una ricerca condotta dall’università californiana Loma Linda University ha studiato l’effetto del cacao sulla salute cognitiva, endocrina e cardiovascolare. I risultati del lavoro sono stati presentati all’Experimental Biology di San Diego. Nell’analisi è stato preso in considerazione cioccolato con un minimo del 70% di cacao e con il 30% di zucchero di canna biologico.

Che il cioccolato fondente ad alta concentrazione di cacao (per un minimo del 70%) abbia effetti antistress, incidendo positivamente sull’umore per il suo contenuto di serotonina, e antinfiammatori era cosa già nota. Che di per sé non ingrassi, anche. La novità di questa ricerca sta nel fatto che si è scoperto che i flavonoidi del cacao hanno effetti benefici anche nella sfera cognitiva, migliorando l’apprendimento, la memoria e in generale nell’elaborazione cognitiva.

Ma perché proprio il cioccolato fondente è caldamente consigliato anche per prevenire malattie cardiovascolari? Alcuni studi hanno dimostrato che il cioccolato perderebbe tutte le proprietà antiossidanti quando è accompagnato con il latte. Quest’ultimo, infatti, cattura le epicatechine (flavonoidi) impedendone l’assorbimento nell’intestino e riducendo, in questo modo, gli effetti cardioprotettivi del cacao.

Pare, inoltre, che un consumo regolare – ovviamente senza esagerare! – di cacao aiuti a mantenere più bassi i valori della pressione arteriosa. Naturalmente, però, il cioccolato non è del tutto privo di effetti collaterali: infatti, non è un alimento adatto a chi soffre di gastrite, reflusso gastroesofageo, ulcere e sindrome del colon irritabile. Avendo un effetto vasodilatatore è controindicato anche per chi soffre di mal di testa.

C’è da aggiungere che studi recenti hanno messo in evidenza anche altre proprietà. I polifenoli del cioccolato fondente aiutano a ridurre il rischio di contrarre il diabete di tipo II, abbassano il colesterolo nocivo e aumentano quello buono. Inoltre il cioccolato amaro avrebbe anche una potente azione antitumorale grazie alla sua capacità di prevenire la crescita delle cellule cancerose. E se non vi basta, il burro di cacao è ricco di acido stearico in grado di ridurre non solo il colesterolo ma anche i trigliceridi.

Non sarà il cibo più adatto al periodo estivo ma, con qualche accorgimento (ad esempio riporlo nel frigorifero e toglierlo cinque minuti prima di consumarlo) non è necessario rinunciare a mangiarlo nei mesi più caldi. E poi non dimentichiamo che esiste anche il gelato al cioccolato… meglio se fondente.

[LINK della fonte; immagine da questo sito]