RITORNA L’ESTATE


A dire il vero, l’estate è tornata da un bel po’, con qualche anticipo in primavera. Una stagione che quest’anno a volte poteva sembrare davvero estate, altre decisamente autunno (che maggio orribile!).

Con un po’ di ritardo rispetto al solstizio che ha inaugurato la nuova stagione, rieccomi qui.

Come canta Edoardo Bennato:

Ritorna l’estate meno male non c’era più legna da bruciare

non c’era più voglia di restare rinchiusi in casa a studiare

la scuola è finita e così è festa anche di Lunedì.

A dirla tutta, il caminetto non l’ho mai avuto (anche se mi piacerebbe) e il lunedì è la mia giornata libera. Durante il periodo scolastico, dunque, per me è sempre festa, o quasi. Non si contano, infatti, i lunedì pomeriggio passati a scuola (pare impossibile ma è la giornata preferita per fissare riunioni varie) ma questo è il lavoro che mi sono scelta, che riesce ancora ad appassionarmi, che mi dà molte soddisfazioni (un 100 e lode e un 100 all’Esame di Stato per due miei studenti di quinta, solo per fare un esempio) anche se è un lavoro che, con il passare del tempo, è sempre più faticoso. Se aggiungiamo anche i problemi di famiglia (la scomparsa di mio papà all’inizio di maggio, dopo una lunga malattia), il periodo ormai trascorso è risultato davvero impegnativo e pesante.

Ma ora è bene pensare alle vacanze, anche se le mie iniziano solo a metà luglio. C’è tanta voglia di mare e di sole, almeno per me.

Cari lettori e amici, vi auguro una buona stagione (non a caso per i napoletani – mio papà lo era – l’estate è semplicemente “a’ staggione”) e, se volete passare un po’ di tempo “sotto il mio ombrellone”, una buona lettura!

COME L’ANNO SCORSO…

Sarò monotona ma anche quest’anno, in occasione della riapertura di questo blog estivo, scelgo il mare. D’altra parte non c’è estate senza mare e senza sole, senza abbronzatura e senza ombrellone sotto il quale ripararsi nelle giornate torride.

Putroppo, però, da qualche anno abbiamo delle estati strane, spesso piovose o estremamente afose. Non pare strano, quindi, che molti cerchino un po’ di refrigerio sulle montagne oppure decidano di utilizzare le ferie per qualche viaggio, magari nerso il nord Europa.

Insomma, scegliere una meta piuttosto che un’altra è questione di gusti o forse anche di comodità: perché allontanarsi tanto dal proprio territorio se i giorni di vacanza – almeno quelli che possiamo permetterci fuori casa – sono pochi?

Personalmente io scelgo sempre la stessa meta, una delle spiagge più belle della mia regione. Non capisco chi si mette in viaggio, affrontando chissà quante ore di volo o di traghetto, per cercare qualche spiaggia lontana. L’Italia ha dei posti stupendi. Abbiamo molte rinomate località di mare e montagna, ma anche posticini tranquilli, fuori dalle rotte turistiche, piene di gente che considera la vacanza un periodo più o meno lungo da passare tra uno sballo e l’altro, a fare le ore piccole, tanto che a volte in spiaggia, sempre che abbiamo scelto una località costiera, non ci mettono nemmeno piede.

L’unica cosa che farei davvero, se ne avessi la possibilità (e non sto parlando solo di soldi ma anche dei periodi che posso scegliere per una vacanza, o in piena estate o, tutt’al più , a dicembre durante le vacanze di Natale), sarebbe quella di “svernare” in un posto caldo. Stare in costume da bagno tutto il giorno, mangiare frutta fresca sulla spiaggia, godermi lo spettacolo di un’alba sul mare dei Caraibi … ecco, questo lo farei di certo. Senza contare che, in certi posti, una vacanza d’inverno ha dei costi davvero contenuti. Per due settimane spenderei meno che nella spiaggia più vicina a casa in pieno agosto.

Abbandoniamo i sogni irrralizzabili e torniamo sulla terra. Per ora le mie vacanze non sono ancora iniziate ma, quando potrò andare al mare, perché mai dovrei cambiare posto?
Anche quest’anno, dunque, stessa spiaggia, stesso mare.

TUTTI PRONTI PER IL MARE?

Eccoci qui. Come promesso il blog estivo riapre i battenti. Staremo assieme, se vorrete, a raccontare aneddoti, a commentare notizie, a spettegolare e a riflettere su cose leggere. Tutto il resto dell’anno siamo alle prese con problemi, di lavoro o di famiglia – a volte entrambi -, abbiamo poco tempo per prendere la vita con leggerezza. D’estate, pur continuando a lavorare, le cose si affrontano con uno stato d’animo migliore. Almeno così succede a me.

Le vacanze – almeno le mie – sono ancora lontane. Io sogno la spiaggia dorata, il sole, il mare e il suo odore inebriante. La montagna la lascio pure agli amanti delle camminate e del fresco. Io adoro sentire il calore dei raggi del sole che mi accarezzano la pelle e le camminate … be’, quelle le posso fare anche in riva al mare, magari con l’acqua che mi massaggia dolcemente le caviglie e risveglia la circolazione impigrita dalle ore passate seduta davanti al computer o ai compiti da correggere. Almeno posso passeggiare sul piano senza tanta fatica.

Insomma, tutti pronti per il mare?

Analisi del 2014 by WordPress

Interrompo il lungo silenzio per pubblicare il report che WordPress mi ha inviato sull’attività del blog nel 2014. Essendo questo un temporary blog, le visite sono poche così come i post pubblicati e i commenti pervenuti. Nonostante ciò, sono molto affezionata a questo spazio estivo e mi ripropongo di farlo crescere nelle estati a venire.
Approfitto dell’occasione per augurare a tutti un buon 2015.
ARRIVEDERCI A GIUGNO! 🙂

I folletti delle statistiche di WordPress.com hanno preparato un rapporto annuale 2014 per questo blog.

Ecco un estratto:

Un “cable car” di San Francisco contiene 60 passeggeri. Questo blog è stato visto circa 2.200 volte nel 2014. Se fosse un cable car, ci vorrebbero circa 37 viaggi per trasportare altrettante persone.

Clicca qui per vedere il rapporto completo.