UNA PIZZA AL POSTO DELL’ANELLO? PER FORTUNA E’ UNO SCHERZO

pizza anello 1
Si chiama prizzapizza proposal – ed è una nuova moda che impazza su Reddit, un sito Internet di social news e intrattenimento, dove gli utenti registrati (chiamati “redditors”) possono pubblicare contenuti sotto forma di post testuali o di collegamenti ipertestuali [links] (informazioni da Wikipedia).

L’idea bizzarra è quella di ritoccare con photoshop delle fotografie in cui, generalmente da parte dell’uomo, viene fatta una proposta di matrimonio. Al posto dell’anello, o di una mazzo di fiori o altri doni speciali, gli utenti di Reddit si stanno divertendo a creare con il fotoritocco immagini esilaranti di uomini in ginocchio con la pizza in mano.

In alcuni casi, i redditors si divertono ad introdurre delle didascalie giocando con le parole, generalmente della lingua inglese. Ad esempio, la frase “voglio passare il resto della mia vita con te” si trasforma in “Baby, I Want to spend the rest of olives with you”, giocando con le parole inglesi life (vita, al plurale lives) e olives, (olive). La fetta di pizza nella mano dell’uomo, nell’atto di porgerla alla donna, naturalmente è alle olive. (foto sotto il titolo)

Le bizzarrie linguistiche non finiscono qui: ecco che la pizza alla marinara (in inglese l’aggettivo rimane tale) è un pretesto per chiedere alla dolce metà: “Will you marrynara me?”, storpiando il verbo marry che in inglese significa appunto “sposare” (foto sotto)

pizza anello2

Se siete curiosi, trovate altre foto ritoccate sulle pagine del Corriere.it (dallo stesso link sono tratte le immagini).

Questa “notizia” mi ha fatto, però, riflettere sull’anello di fidanzamento: si usa ancora? Certamente, come cantava Marylin, “Diamonds Are a Girl’s Best Friend”. I diamanti non si disprezzano e ricevere un anello, come promessa di matrimonio, fa sempre piacere. Però ho l’impressione che i giovani d’oggi siano più pratici e forse un po’ meno romantici. Sarà anche colpa della crisi oppure delle tradizioni che, con il passare delle generazioni, vanno scomparendo.

Scherzi a parte, un bel trancio di pizza è sicuramente più economico. Credo, però, che nella realtà il malcapitato rischi di ritrovarsi la pizza spiaccicata in faccia. 🙂

Annunci

FIDANZATI PRO TEMPORE

fidanzati
Una volta il fidanzamento era una cosa seria. E doveva esserlo per forza: la parola, infatti, rimanda al latino fides che significa “fedeltà” ma anche “parola data”.

Nell’antica Roma, ad esempio, il termine che rimandava alla promessa di matrimonio era sponsalia. Poi noi abbiamo adottato le parole sposo e sposa per indicare i coniugi ma in realtà i termini sponsa e sponsus identificavano proprio i fidanzati. Non lasciamoci ingannare dalle parole, comunque. Per noi hanno un non so che di romantico mentre nell’antichità il fidanzamento costituiva praticamente l’atto preliminare di compravendita: lo sponsus, infatti, il giorno del fidanzamento donava sì alla donna l’anello nuziale (anulus pronubus), simbolo di fedeltà, ma consegnava anche al futuro suocero una caparra (arrha), quale pegno del contratto matrimoniale.

Ma veniamo a tempi più recenti.
Tra pochi giorni ricorre il trentesimo anniversario del mio fidanzamento. Noi abbiamo fatto le cose per benino: pranzo con i parenti, strettissimi perché altrimenti ne sarebbe uscita una specie di prova generale del pranzo di nozze, e scambio degli anelli, brillante per me e anche per lui (più piccolino, eh!). Ricordo che, per non gravare sul bilancio familiare dei miei, ho venduto un po’ di ninnoli ricevuti in occasione del battesimo e della Prima Comunione, anche se mia mamma non ne voleva sapere. Ma, insomma, un po’ di orgoglio ci vuole in certe situazioni. Mi fidanzavo io con lui mica i miei!

Poi, la tradizione voleva che il matrimonio si celebrasse entro un anno dal fidanzamento ufficiale anche se noi ne abbiamo attesi due … causa mia, dovevo laurearmi e, onestamente, di tempo per pensare alle nozze non ne avevo.

Ricordi romantici che, comunque vadano le cose, rimarranno per sempre impressi nella mente e nel cuore.

Ma ora?
Non se se ci avete fatto caso ma, specie quando si parla di vip, basta che due vengano visti assieme ad una cena e dal giorno dopo sono fidanzati. Poi magari questa sorta di fidanzamento dura un mese o due. Nei casi più fortunati qualche anno e immancabilmente il fidanzamento si rompe senza che i diretti interessati convolino a giuste nozze.

Non sarebbe più semplice usare parole come “compagno/a”, ragazzo/a”, “simpatia” (per legami che sorgono all’alba e si concludono al tramonto)?

Sarò fissata, ma io alle parole do un certo significato. Anche a casa, quando parlo delle ragazze dei miei figli, dico “ragazza” mica fidanzata. Poi, anche se i legami durano per più di un anno, il termine “fidanzata” non riesco proprio ad usarlo. Forse perché uno dei due figli, soprattutto, è così volubile che di sentirmi ogni volta futura suocera proprio non ne sento la necessità.

[immagine da questo sito]