NOZZE CANALIS-PERRI: IL VELO BIANCO DI ELISABETTA E IL NUDE LOOK DI BELEN

canalis perriSulle nozze più glamour dell’estate si è detto di tutto e di più. Certamente non sarò io a dire qualcosa di speciale. Semplicemente mi limiterò a fare una riflessione sul matrimonio (in generale) e sul buongusto.

Ricordo ancora quando si sposò Caterina Caselli. E voi direte: embé, che c’entra con la Canalis? Nulla, in effetti, ma volevo arrivare ad una riflessione sulle tradizioni e su come possano cambiare nel tempo.
caterina caselli sposaOra, non so quanti si ricordino le nozze del Casco d’oro (questo il soprannome della cantante ai tempi del suo successo canoro) con il discografico Piero Sugar. Vi rinfresco la memoria (per chi c’era) e mi soffermo su un unico dettaglio (per chi proprio non ne ha idea) che riguarda l’abito da sposa: era giallo.

Correva l’anno 1970, era giugno e io ero bambina. Al mare una mia amichetta, un po’ più grande, sfogliando una rivista, tipo Novella 2000, in cui era pubblicato il servizio fotografico del matrimonio della celebre cantante, a un certo punto disse, con aria maliziosa: “Si è sposata in giallo, non in bianco. Di certo sarà già andata a letto con un uomo”.
Quella notizia mi sconvolse. Ero piccola ma, come tutte le bimbe a quei tempi, sognavo il matrimonio con l’abito bianco e il velo con lo strascico. Mortificata dissi alla mia amica: “Io non potrò vestirmi di bianco, allora. Ho dormito una volta in hotel nello stesso letto con mio fratello”. 😦

Vi risparmio la risata generale e il mio smarrimento perché non riuscivo proprio a capire che cosa intendessero le altre con “non solo per dormire” …
La mia infanzia proseguì serena e non pensai più all’abito bianco. Non mi posi nemmeno il problema che quelle delle viperette amiche mie fossero solo insinuazioni. Non conoscevano i particolari intimi della vita della Caselli, come facevano ad essere sicure che la scelta del giallo non fosse dettata dal semplice fatto che quel colore era il prediletto dalla sposa?

Una cosa è comunque certa: una volta le tradizioni venivano rispettate. Il matrimonio in chiesa, l’abito bianco, il bouquet di zagare non erano solo dettagli insignificanti. Le cose cambiano, questo è un fatto. Dovremmo forse considerare ipocrite tutte le giovani spose (e anche quelle meno giovani …) che si recano all’altare vestite di bianco?

Ora evidentemente si è perso il valore simbolico del colore che un tempo rimandava alla purezza. Nemmeno io, se è per questo, 29 anni fa mi sono vestita di giallo o di azzurro o di rosa … quindi, non va giudicata Elisabetta Canalis per la scelta fatta, al pari di molte altre colleghe vip o anche di gente comune. Ormai ci si sposa in abito lungo e bianco pure con il pancione di otto mesi, sicché…

eugenia e beatriceC’è un altro fatto che riguarda le tradizioni: l’abbigliamento degli invitati, o per meglio dire delle invitate. Non si doveva indossare il bianco (ora non so, io comunque lo evito sempre), né il nero oppure il viola. Immancabile, poi, il cappellino sulle teste delle invitate. Ora come ora i copricapi vengono sfoggiati quasi solo ai matrimoni della nobiltà e non sempre con la classe che dovrebbe essere dettata dal bon ton (vedi i copricapi delle principesse Beatrice ed Eugenia, figlie del principe Andrea, al matrimonio di William e Kate).
Non indossare le calze, poi, era cosa che faceva inorridire le benpensanti. Dovessero esserci 40° all’ombra, presentarsi con le gambe nude ai matrimoni, specie se celebrati in chiesa, era davvero sconveniente.

belen canalisRimanendo in tema di bon ton ed eleganza, al matrimonio di Elisabetta Canalis, che ha sposato il chirurgo americano Brian Perri, c’era un’invitata che di certo non è passata inosservata: Belen Rodriguez. Accompagnata, come sempre, dal marito Stefano De Martino, si è presentata con una mise che ha fatto discutere molto: un abito lungo blu elettrico, impreziosito da inserti di pizzo, peccato che fosse nude look.

Io non mi permetto di giudicare nessuno, ci mancherebbe. La classe non è acqua, questo lo sappiamo. Il buon gusto non è prerogativa che si acquisisce alla nascita. Le tradizioni si possono rispettare oppure no. C’è chi scambia il sagrato della chiesa per il red carpet di qualche evento mondano. Pazienza, il mondo è bello perché è vario.

Quello che mi chiedo è perché mai Belen, grande amica della sposa, abbia voluto osare tanto e “rubare la scena” alla povera Canalis sul cui abito quasi nessuno si è pronunciato.
Insomma, qui non si tratta di buongusto ma solo di sensibilità.

[immagine Caselli sposa da questo sito: foto Belen da repubblica.it; foto Canalis-Perri da questo sito]